Laurea in Scienze dell'Architettura - Dipartimento di Architettura (DiDA)

Il Corso integrativo di Matematica è pensato per aiutare gli studenti a superare il test di matematica.

Ogni studente prima di accedere all'esame orale di Istituzioni di Matematiche deve superare il test.

Anno accademico: 2015-2016

Docente TORRICELLI MARIA CHIARA Matricola: 053523

Anno Accademico 2015-2016

Insegnamento: B018761 - TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DEGLI ELEMENTI COSTRUTTIVI

Corso di Studio: B008 – Scienze dell’Architettura

Primo Semestre

FIRENZE

CFU 8.0

ICAR/12

B - B008 - Scienze dell'architettura

2015

B018761 - TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DEGLI ELEMENTI COSTRUTTIVI

 

 

Lingua di insegnamento italiano

Contenuti Le conoscenze, in un’ottica prestazionale, sono presentate in un percorso di evoluzione storica e articolato per sistemi costruttivi-tecnologici:

- Materiali e elementi costruttivi “premoderni” e loro evoluzione: murature; elementi costruttivi

in legno; Materiali e elementi costruttivi dell’ingegneria, tradizionali e loro evoluzione:

elementi costruttivi in acciaio; in cemento armato.

- Fondazioni e attacco a terra; Scale; Manti di copertura; Vetro, Infissi esterni.

 

 

Knowledge, with a performance approach, are presented in a historical view and
for constructive-technological systems:
- Materials and construction elements "pre-modern" and their evolution: masonry, wood structural elements; Materials and construction elements of engineering, traditional and their evolution:
structural elements in steel and reinforced concrete;

- Foundations and building ground; Stairs and vertical connections; Roof and roof covering, glass, window.

 

 

Testi di riferimento:

Testi adottati:

Torricelli M.C., Del Nord R., Felli P., Materiali e Tecnologie dell'Architettura, Editori Laterza, Collana grandi opere, Bari 2001

 

Altri Testi consigliati

Arbizzani E., Tecnologia dei sistemi edilizi. Progetto e costruzione, Maggioli editore Ravenna 2008

Allen E. , I fondamenti del costruire. I materiali, le tecniche, i metodiMcGraw-Hill Companies, Milano 1997

Benedetti C., Costruire in Legno, Bozen-Bolzano University Press 2009

Belz W., Atlante della muratura, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1998

Campioli A., Lavagna M., Tecniche e architettura, Città Studi, Milano 2013

Kind Barkauskas F., Atlante del cemento, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1998

Natterer J., Atlante del legno, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1998

Schulitz, H. C., Atlante dell’acciaio, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1995

 

Obiettivi formativi

Fornire le conoscenze di base su materiali, prodotti ed elementi che costituiscono i sistemi costruttivi, introducendo alla comprensione del ruolo della tecnologia nel progetto di architettura.

Di fronte all’ampiezza delle conoscenze tecnologiche in architettura, l’intento è quello di promuovere un atteggiamento critico fondato sulle prestazioni, i metodi costruttivi, le qualità estetiche e il rapporto con il contesto.

 

Provide basic knowledge of materials, products and elements that constitute the building systems, introducing the understanding of the role of technology in architectural design.
Given the scale of technological knowledge in architecture, the intent is to promote a critical thinking based on performances, construction methods, the aesthetic qualities and the relationship with the context.

 

Prerequisiti

Nessuno

 

Metodi didattici

Le lezioni teoriche si sviluppano all’interno dell’orario ufficiale articolate in 5 moduli, cui seguono delle verifiche in aula e delle esercitazioni da raccogliere in un fascicolo personale sui lavori del corso.

Inoltre lo studente deve scegliere un “caso studio” (un cantiere o un progetto) da approfondire e restituire nel fascicolo personale documentandolo e sviluppando un dettaglio tecnologico secondo istruzioni fornite durante il corso.

 

 

The lectures are developed into 5 modules, followed by verifications and exercises thar have to be collected in a personal book about  the works of the course.
Additionally, the student must choose a "case study" (a construction site or project) to deepen and return in the personnel book documenting and developing a technological detail according to instructions provided during the course.

 

Altre informazioni

Gli studenti devono iscriversi al corso utilizzando la piattaforma moodle dell’Università di Firenze. Si raccomanda di frequentare le lezioni

sulla piattaforma moodle  è disponibile il materiale del corso: lezioni, esercitazioni, informazioni

La sede di afferenza dei docenti del corso è:

via San Niccolò, n. 93 (Palazzo Vegni) - 50125 Firenze

 

 

Students must enroll in the course using the moodle  platform of the University of Florence. It is recommended to attend classes. On the platform moodle is available the material of the course: lectures, tutorials, information
The seat of a part of the teachers of the course is:
Via San Niccolò, n. 93 (Palazzo Vegni) - 50125 Florence

 

Modalità di verifica dell’apprendimento

La valutazione della preparazione ai fini della attribuzione del voto d'esame  risulterà dalla valutazione di:

  1. 4 test in aula
  2. Book contenente le esercitazioni svolte e il caso studio
  3. Colloquio finale.

Chi non avrà superato i test in aula, sosterrà un esame finale più ampio in cui dovrà dimostrare di aver raggiunto una conoscenza approfondita delle tematiche oggetto dei test.

Le esercitazioni e il caso studio sono obbligatori e saranno oggetto di domanda al colloquio finale.

 

 

The assessment of the preparation for the assignment of the final grade will result from the evaluation of:
1. 4 tests in the classroom
2. Book containing exercises carried out and the case study
3. Final interview.
Those who have not passed the tests in the classroom, will support a final exam that will have broader evidence of having achieved a thorough understanding of the issues in the test.
The exercises and case studies are required and will be applied for the final interview.

 

Programma esteso

 

Università degli Studi di Firenze

Corso di Laurea Triennale in Scienze dell’Architettura

A.A. 2015-2016

 

Programma del

 

Tecnologia dei materiali e degli elementi costruttivi

corso A Prof. Maria Chiara TORRICELLI

 

Cultori della materia: Massimo Mariani- Angelo Del Negro - Sabrina Borgianni

 

1. Obiettivi del corso

Fornire le conoscenze di base su materiali, prodotti ed elementi che costituiscono i sistemi costruttivi, introducendo alla comprensione del ruolo della tecnologia nel progetto di architettura.

Di fronte all’ampiezza delle conoscenze tecnologiche dell'architettura, l’intento è quello di promuovere un atteggiamento critico fondato sulle prestazioni, i metodi costruttivi, le qualità estetiche e il rapporto con il contesto.

La formazione tecnologica è orientata nella direzione di un approccio integrato fra concezione/progettazione e costruzione. Alla conclusione del corso, sulla base delle conoscenze acquisite, lo studente deve essere in grado di:

-         conoscere le proprietà dei materiali tradizionali premoderni e moderni

-         comprendere e descrivere le soluzioni tecniche di un edificio;

-         correlare la documentazione grafica di progetto, alla scala di elemento costruttivo e relativi dettagli, con le operazioni di cantiere;

-         interpretare l’informazione tecnica su materiali e prodotti, ai fini della progettazione tecnologica.

 

 

2. Argomenti trattati nel corso

L’edificio come sistema di elementi costruttivi si articola in elementi che implicano determinati “sistemi costruttivi”, connessi all’impiego di materiali da costruzione, utilizzati secondo “procedimenti esecutivi” ad essi propri. Un sistema costruttivo è definito dall’«indicazione del principale materiale strutturale» (laterizi, cemento armato, legno, acciaio), mentre un procedimento esecutivo è definito «dal metodo con il quale la costruzione viene realizzata» (muratura, carpenteria, getto).

Nella trattazione degli argomenti del corso sarà  tracciato un percorso volto a sviluppare il punto di vista del progettista, l’atteggiamento critico e propositivo sull’uso delle risorse materiali e delle relative tecniche, nei processi di trasformazione che interessano l’ambiente costruito. All’interno di questo percorso saranno fornite le informazioni sui materiali, i prodotti, le soluzioni costruttive.

Le conoscenze di base  su materiali, prodotti ed elementi costruttivi saranno inquadrate in un’ottica prestazionale, volta ad evidenziare le caratteristiche di comportamento dei materiali e prodotti in rapporto al loro impiego in un elemento costruttivo. Gli argomenti si susseguono secondo una  successione storica evolutiva (dai sistemi costruttivi “premoderni” a quelli  ottocenteschi e contemporanei) e secondo un’articolazione per sistemi costruttivi e tecnologici,  come segue:

 

-        Materiali e elementi costruttivi “premoderni” e loro evoluzione: pietre, laterizi, prodotti evoluti per murature,  elementi costruttivi per murature strutturali e di involucro (1,5 CFU );

-        Materiali e elementi costruttivi “premoderni” e loro evoluzione: legno, legno derivati e prodotti evoluti, elementi costruttivi in legno per sistemi intelaiati e a pannelli (1,5 CFU);

-        Materiali e elementi costruttivi dell’ingegneria, tradizionali e loro evoluzione : acciaio, prodotti in acciaio, elementi costruttivi in acciaio per carpenteria (1,5 CFU);

-        Materiali e elementi costruttivi dell’ingegneria, tradizionali e loro evoluzione : calcestruzzo, calcestruzzo armato, calcestruzzo armato precompresso, elementi costruttivi in cemento armato (2 CFU);

-        Fondazioni e attacco a terra dell’edificio (0,5 CFU)

-        Coperture inclinate a falde e coperture piane; Materiali di tenuta e impermeabilizzazione (0,5 CFU)

-        Vetro, Infissi esterni (0,5 CFU).

 

 

3. Modalità della didattica

Le lezioni teoriche si sviluppano all’interno dell’orario ufficiale articolate in 5 moduli cui seguono delle verifiche, in forma di domande, svolte in aula e la spiegazione di esercitazioni da svolgere a casa e raccogliere in un fascicolo personale sui lavori del corso.

Durante il corso lo studente deve scegliere un “caso studio” costituito in alternativa da:

a)     un cantiere al quale può avere accesso e per il quale fornirà documentazione fotografica e disegni e propri schizzi

b)     un progetto selezionato su una rivista del quale fornirà illustrazione comprensiva oltre che del materiale bibliografico di riferimento, di un dettaglio tecnologico concordato con il docente e restituito graficamente secondo istruzioni che saranno fornite durante il corso.

 

 

4. Modalità delle prove di verifica per sostenere l’esame del corso integrato

La valutazione della preparazione ai fini della attribuzione del voto d'esame  risulterà dalla valutazione di:

  1. 5 test in aula
  2. Book contenente le esercitazioni svolte a casa e il caso studio
  3. Colloquio finale.

Chi non avrà superato i test in aula, sosterrà un esame finale più ampio in cui dovrà dimostrare di aver raggiunto una conoscenza approfondita delle tematiche oggetto dei test.

Le esercitazioni sono obbligatorie e saranno oggetto di domanda al colloquio finale.

 

 

 

5.Bibliografia essenziale

 

Testi generali:

Torricelli M.C., Del Nord R., Felli P., Materiali e Tecnologie dell'Architettura, Editori Laterza, Collana grandi opere, Bari 2001

 

Testi di approfondimento

Campioli A., Lavagna M., Tecniche e architettura, Città Studi, Milano 2013

Arbizzani E., Tecnologia dei sistemi edilizi. Progetto e costruzione, Maggioli editore Ravenna 2008

Allen E. , I fondamenti del costruire. I materiali, le tecniche, i metodiMcGraw-Hill Companies, Milano 1997

Benedetti C., Costruire in Legno, Bozen-Bolzano University Press 2009

Belz W., Atlante della muratura, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1998

Kind Barkauskas F., Atlante del cemento, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1998

Natterer J., Atlante del legno, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1998

Schulitz, H. C., Atlante dell’acciaio, collana Grande Atlante dell’Architettura, Editore UTET giuridica 1995

 

 

6. Altre istruzioni

Gli studenti devono iscriversi al corso, sul sistema moodle al quale possono accedere con la matricola come studenti

Si raccomanda di frequentare le lezioni.

è disponibile una pagina sul sistema moodle dove reperire tutte le informazioni relative allo svolgimento del corso e in particolare: programmi e istruzioni, esercitazioni, pdf delle lezioni, avvisi

Il docente è reperibile all’indirizzo email:

mariachiara.torricelli@unifi.it

la sede delle lezioni è:

Plesso di Santa Teresa via della Mattonaia 14,  Firenze

La sede di riferimento del docente  è:

Palazzo Vegni  via San Niccolò, n. 93  - 50125 Firenze

 

 

 

Anno accademico: 2015-2016

Storia dell'Architettura I

A.A. 2015-2016

Programma del Corso

 

Il Corso prende in esame la storia dell'architettura occidentale, dalla Grecia  fino all'Europa barocca  del secolo XVIII, e propone una periodizzazione articolata in tre tappe fondamentali:

 Il lungo ciclo dell’architettura classica che esordisce con l’invenzione del  linguaggio compositivo dell’ordine, formulato prima  nella versione trilitica greca e poi in quella muraria romana, e che si prolunga, in una avventurosa vicenda di eclissi e riprese, fino al secolo XII.

 La parentesi gotica in cui il rapporto con l’antico si disperde o si altera sotto la pressione di nuove “ moderne” istanze religiose, politiche ed espressive.

 Il recupero filologico del linguaggio classico degli ordini nel corso del secolo XV e il suo  sviluppo sempre più maturo e disinvolto, dalla cosiddetta “terza maniera” del secolo XVI alle licenze barocche.

 

 

Modalità di esame

 

Per gli studenti che non hanno frequentato il corso è prevista la possibilità di una preparazione su base esclusivamente bibliografica. Il materiale di studio è formato da un manuale (Lineamenti di Storia dell'Architettura) e da alcuni testi di approfondimento relativi all'architettura tardoantica, gotica e rinascimentale. La verifica avrà modalità orale.

Per coloro che abbiano frequentato con regolarità, la verifica riguarderà gli argomenti svolti nelle lezioni e avverà con modalità scritta.





Lineamenti di Storia dell'Architettura, Sovera ed., Roma

pp.56-74 (arch.Greca)

pp.87-95 (arch.Ellenistica)

pp.104-112 (arch.Romana di età repubblicana)

pp.115-134 (arch.Romana imperiale)

pp.144-155 (arch.Tardoantica)

pp.156-177 (arch.Paleocristiana)

pp.183-187 (arch.Paleocristiana in Palestina e Siria)

pp.195-208 (arch.Bizantina)

pp.221-229 (arch.Carolingia e Ottoniana)

pp.233-249 (arch.Romanica in Francia)

pp.262-270 (arch.Romanica in Italia)

pp.283-295 (arch.Gotica in Francia)

pp.317-332 (arch.Gotica in Italia)

pp.375-418 (arch. del Rinascimento. Il Quattrocento)

pp.449-474 (arch. del Rinascimento. Il Cinquecento)

pp.478-485 (arch. del Manierismo)

pp.486-496 (arch. del Rinascimento a Venezia)

pp.498-500 (G.Vignola)

pp.523-531 (arch.Barocca a Roma)

pp.532-537 (arch.Barocca in Piemonte)

Approfondimenti

P.Murray, L'architettura de Rinascimento italiano, Laterza, Bari

C.Bozzoni, Dal tardoantico alla rinascenza carolingia (pp.373-482) in C.Bozzoni, V.Franchetti Pardo, G.Ortolani, A.Viscogliosi, L'architettura del mondo antico

C.Bozzoni, Il primo gotico, 1170-1195; L'esplosione del gotico, 1195-1225, pp.181-216 in R.Bonelli, C.Bozzoni, V.Franchetti Pardo, Storia dell'architettura medievale, Laterza,Bari

Anno accademico: 2015-2016