Forum per discussioni generali e "out of topic" di vario genere

Introduzione al software libero

 
Picture of FORMICONI ANDREAS ROBERT
Introduzione al software libero
by FORMICONI ANDREAS ROBERT - Saturday, 10 September 2016, 12:19 PM
 

Qui potete porre ogni sorta di domande relative all'introduzione al software libero. Leggendo l'articolo, avrete notato che, trattandosi di un post in un blog, è possibile scrivere dei commenti anche lì. Se preferite potete utilizzare anche quello spazio. Tendenzialmente, suggerirei di utilizzare questo forum per domande più specifiche, come dire più "scolastiche". Se volete porre domande di carattere più generale, aspettandovi di generare una discussione alla quale eventualmente possano partecipare anche persone al di fuori di questa classe, allora potrebbe convenire andare a commentare il blog. Io comunque rispondo a tutte le domande, qui nel forum o là nel blog.

Picture of BUONAZIA NAOMI
Re: Introduzione al software libero
by BUONAZIA NAOMI - Thursday, 20 October 2016, 8:47 AM
 

Potremo affiancare l'idea del software libero al manifesto cyberpunk legato alla potenza e alla libertà di rete?

Potete leggerlo in inglese (ma c'èa anche in italiano) 

http://project.cyberpunk.ru/idb/cyberpunk_manifesto.html

Naomi


Picture of FORMICONI ANDREAS ROBERT
Re: Introduzione al software libero
by FORMICONI ANDREAS ROBERT - Thursday, 20 October 2016, 5:20 PM
 

Ricorda la Dichiarazione di Indipendenza del Cyberspace, scritta nel 1996 da John Perry Barlow - quello che, fra altre cose, scriveva i testi per i Grateful Dead smile smile smile

Qui una delle traduzioni in italiano a giro per la rete.

Purtroppo la colonizzazione delle libere praterie digitali da parte del mercato è stata repentina e molto aggressiva. Come tutte le colonizzazioni.

Sono interstizi quelli rimasti liberi. Ci sono modo per viverli e ampliarli. Uno di questi è, appunto, usare software libero ove possibile. Specialmente nei contesti educativi.

O quanto meno, quando ci si deve servire di prodotti di mercato, imparare a vederne e  a mostrarne la doppia faccia. Lo dice anche il Prof. Cambi - Media education tra formazione e scuola