Forum per discussioni generali e "out of topic" di vario genere

Le tecnologie nella scuola in ospedale

Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -
Number of replies: 31

Buonasera a tutti! 

Ho pensato di aprire un nuovo forum per proporre una questione che mi sta molto a cuore. Nello scorso anno accademico ho svolto il tirocinio curricolare presso la scuola ospedaliera del Meyer di Firenze. Difficile spiegare in poche righe l'organizzazione della scuola ospedaliera e le tante opportunità, nonché i tanti limiti, che la caratterizzano. Cercherò quindi di mettere in luce, in modo sintetico, uno delle più grandi difficoltà e dei più grandi rischi che vive un bambino ospedalizzato, lontano dai suoi compagni di classe e dalla sua vita quotidiana: l'isolamento. I bambini ricoverati, per periodi più o meno lunghi, strappati spesso alla loro realtà, anche territoriale (molti vengono da altre regioni d'Italia), vivono una situazione di completo disorientamento e, ahimè, anche di grande solitudine! Non possono più andare a scuola con i compagni (e nella mia esperienza di tirocinio ho potuto constatare quanto sia importante per loro andare a scuola!!); non vedono più le loro maestre (a meno a che esse non vadano a trovarli in ospedale); a volte rimangono lontani da parenti e amici stretti... Insomma, le tecnologie nel contesto ospedaliero sono davvero una grandissima OPPORTUNITà!!! L'anno scorso io e la mia collega Claudia abbiamo partecipato a un corso di formazione promosso dalla SamsungSchool, che, in cambio della stesura di un progetto didattico al quale abbiamo preso parte, ha donato al Meyer molti tablet nuovi e una LIM ( poco funzionale purtroppo, visto che rimane confinata in un'auletta sperduta dell'ospedale...). Il primo giorno di scuola, quest'anno, è stato all'insegna della tecnologia e abbiamo lavorato con i bambini sui tablet, condividendo i loro elaborati sulla LIM (se volete dare un'occhiata, andate su Facebook e cercate la pagina della "Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer": https://www.facebook.com/fondazione.meyer/posts/10153673857286923) Ancora però c'è molto da lavorare per poter sfruttare al meglio le potenzialità delle tecnologie!!! Se emergessero idee in questo forum, sarei felicissima di condividerle con l'insegnante del Meyer, Lucia, e con le nuove tirocinanti, per fare davvero e nel concreto qualcosa di utile per i nostri allievi in ospedale! Esistono anche loro e purtroppo, durante la mia esperienza, mi è capitato di conoscere tristi storie di "oblio": bambini impossibilitati a comunicare con la propria classe perché nelle loro scuole non c'è il collegamento internet, perché le insegnanti non sanno usare Skype, perché esse temono di "perdere tempo" sottraendolo allo svolgimento della lezione. Ci sono però anche casi di bambini che riescono a mantenersi in contatto con i compagni, attraverso collegamenti Skype con la classe durante la ricreazione, e, nei casi migliori, anche durante la lezione. Per i bambini ospedalizzati è IMPORTANTISSIMO mantenere un contatto, lavorare con i compagni, non rimanere "indietro" (alcuni sono ossessionati dalla paura di "rimanere indietro"). 

Ho davvero buttato giù due righe, in modo sintetico, giusto per "lanciare un sassolino" e riportare questa mia esperienza in un forum, dal quale forse potrà nascere qualche bella idea e proposta da poi "portare" dentro alla scuola in ospedale che ospita una grande classe di allievi, anche se senza banchi e senza campanelle! 

Marta Veloce

In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -
Avrei voluto trovare un modo per "taggare" Claudia, Elena e Francesca (le altre tirocinanti del Meyer), come su facebook, così che possano prendere visione del post, ma non ci sono riuscita... Qualcuno sa se si può fare?
In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by FORMICONI ANDREAS ROBERT -

Più tecnicamente, riguardo a tag e dintorni. Intanto puoi provare a rendere "vivi" i link nei post: qui ci sono brevi istruzioni scritte in un'altra discussione.

Per quanto rigarda il "taggare" alttri puoi fare così, ti facci ovedere con il mio account Facebook: https://www.facebook.com/iamarf.

Ovvero vai nella pagina della persona, copi l'URL e lo piazzi qui, come ho fatto sopra.


In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -

La ringrazio molto. Provo subito a fare quanto suggerito!

Le ragazze che hanno svolto o svolgono il tirocinio al Meyer, che ho citato nel post precedente, sono Claudia, Elena e Francesca!! ;) 

In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by RUSSO FRANCESCA -

Grazie Marta per averci chiamate in causa. Proprio nei giorni scorsi avevo scritto al Professore in merito alla nostra esperienza.

Chiedo: possibile non mi sia comparsa alcuna notifica in merito a questo "tag" ? 

Grazie

In reply to RUSSO FRANCESCA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by FORMICONI ANDREAS ROBERT -

È vero Francesca. Avevo anche proposto di ritrovarsi con il vostro gruppo e Francesca Balestri, che vi segue, se non sbaglio, e con la quale ci siamo già conosciuti. Mi piacerebbe approfondire questo argomento, anche personalmente.

In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by SALAMONE ELENA -
Grazie Marta per aver condiviso questa esperienza e per aver messo in luce alcuni aspetti della Scuola in Ospedale qui sul forum. Io e Francesca ogni giorno a tirocinio riflettiamo su questi aspetti e ci piacerebbe moltissimo collaborare con il Professore per poter sperimentare alcuni software che possono essere funzionali alle nostre attività nel contesto ospedaliero. Sicuramente le tecnologie possono essere in questo contesto uno strumento fondamentale per far rimanere il bambino ricoverato in contatto con i suoi compagni, con i suoi amici, con le sue maestre e con tutti i suoi cari. Proprio venerdì abbiamo proposto ad un bambino ricoverato in oncologia di fare una videochiamata su Skype durante la ricreazione dei suoi compagni, così che lui li possa salutare, ci possa parlare e si possa sentire meno solo e più coinvolto tra i suoi compagni di classe. Al bambino è piaciuta moltissimo l'idea, abbiamo già contattato le sue insegnanti e quindi presto lo faremo. Stiamo proponendo le videochiamate a tutti quei bambini che purtroppo saranno ricoverati a lungo... Molti bambini stranieri comunicano così con i loro parenti tra una visita e un'altra. Inoltre, come ha già detto Marta, ogni giorno usiamo i tablet e sarebbe bello poter usare nuove applicazioni. 


Speriamo di incontrarci con lei Professore e con la Professoressa Balestri, io e Francesca siamo molto disponibili alle vostre proposte. La ringrazio per l'interesse che sta dimostrando.


PS: Credo che Francesca intendesse dire che non c'è un sistema di notifica riguardo ai tag qui su moodle (o forse non lo abbiamo visto noi)

In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by BALESTRI FRANCESCA -

Carissimo Andreas,

vediamoci quando vuoi con le studentesse del Meyer. Io sono in via Laura il lunedì, martedì e venerdì

Un saluto e a presto!

Francesca Balestri


In reply to BALESTRI FRANCESCA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by FORMICONI ANDREAS ROBERT -

Ciao Francesca smile

Martedì 18 sarò nell'aula LB3 dalle 11 alle 14 a disposizione per chiunque. Se non puoi in quelle ore, fissiamo in un altro momento.

In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by BALESTRI FRANCESCA -

Io il 18 ottobre ho da tenere il primo incontro di tirocinio, ma è dalle 13 alle 17...quindi proviamo a incontrarci...arriverò verso le 12 e sarò il LB4...

Francesca

In reply to RUSSO FRANCESCA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by FORMICONI ANDREAS ROBERT -

Ah, dimenticavo: non ho capito la tua domanda: a cosa ti riferisci con questo "tag"?

In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by RUSSO FRANCESCA -

Professore, con il termine "tag" intendevo un sistema di notifica che arriva quando i/le colleghi/e ci citano in un commento all'interno del forum, proprio come ha spiegato Elena nei commenti precedenti. 

In reply to RUSSO FRANCESCA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by FORMICONI ANDREAS ROBERT -

Ok, me lo immaginavo ma volevo essere sicuro prima di agire: ho cambiato le impostazioni in maniera da rendere automatico l'invio delle notifiche - si chiamano notifiche, non tag. Questi ultimi sono delle etichette che si usano per classificare oggetti. Vediamo se funziona.

In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by FORMICONI ANDREAS ROBERT -

Anche questo è davvero un bel contributo! Si tratta evidentemente di iniziative straordinariamente belle e importanti. Ne parlo con cognizione di causa anche per via di esperienze personali, molto pesanti. È veramente importante aiutare questi bambini a mantenere il collegamento con la loro realtà.

Qui faccio tuttavia un commento tecnico ma non solo. In tutte le cose ci sono luci e ombre. Questo è anche un esempio di colonizzazione da parte del mercato. Samsung in questo caso, Apple in altri ecc. Queste industrie si fanno così una bella faccia ma in realtà stanno andando a caccia di nuovi clienti, da fidelizzare - intrappolare nei loro recinti.

In realtà oggi sarebbe possibile organizzare lo stesso tipo di lavoro, anzi culturalmente e tecnicamente più ricco, procurando ai bambini piccoli computer molto poco costosi per farli lavorare-giocare creativamente con software liberi.

Non vi è assolutamente alcun atteggiamento critico da parte mia, Marta: il vostro lavoro è meraviglioso, a prescindere. Voglio solo che tutti insieme si rifletta sulle possibilità che oggi il mondo offre, spontaneamente.


In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -

Sono pienamente d'accordo sul fatto che spesso quegli enti che si proclamano attenti ai bisogni dei bambini, in realtà operano solo in nome dei loro interessi economici! Purtroppo anche noi abbiamo potuto sperimentare quanta poca "sostanza" ci sia a volte dietro l' "apparenza" delle proposte e iniziative. In effetti, come accennavo nel post, la LIM messa a disposizione della scuola ospedaliera, è stata posta in un'aula isolata e non può facilmente essere spostata. Fino all'anno scorso il collegamento internet in tutta la struttura era mal funzionante (da quest'anno sembra sia migliorato)...  Tuttavia trovo davvero utile cercare di "prendere il buono" di ogni cosa e cercare di trarne il meglio. 

E sono sicura che esplorando questa piattaforma e condividendo le nostre idee, potranno venire fuori spunti interessantismile (Ad esempio, non avevo mai riflettuto a fondo sul valore etico, oltre che tecnologico e didattico, offerto dall'esistenza di Software liberi!)


In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by SALAMONE ELENA -

Ha ragione, purtroppo sono donazioni a scopo pubblicitario e sicuramente le stesse attività sarebbero possibili anche con computer meno costosi... è anche vero che la maggior parte dei progetti che attuiamo necessita di contributi finanziari e spesso sono proprio le aziende più famose a proporsi per farsi pubblicità... Noi comunque siamo aperte alle proposte e io sono pienamente favorevole all'uso di software liberi.

In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by TEDESCO CLAUDIA -
Sono felice che Marta abbia introdotto questa tematica, purtroppo ancora poco conosciuta. Siamo state partecipi attivi dell'introduzione di una nuova tipologia di tecnologie nella scuola del Meyer, avendo modo di sperimentare, almeno in parte, le loro potenzialità nella didattica con i bambini ospedalizzati e non. Siamo consapevoli della forte componente economica e di pura pubblicità, presente in donazioni di questa portata, ma anche delle molte opportunità che tecnologie come queste ci offrono nella didattica di tutti i giorni. Oltre ai collegamenti con le scuola d'appartenenza, che come Marta ha sottolineato,  delle volte risultano difficili da attuare, i tablet e in generale i pc, permettono lo svolgimento di attività didattiche,anche delle più semplici e ricreative, come scrivere e disegnare, a bambini che a causa delle loro condizioni di salute, non possono svolgere (poca mobilità negli arti superiori, scarsa prensione e forza nella mani). Purtroppo la scuola del Meyer e in generale la scuola, ha sempre poche risorse materiali e tecnologiche, ritengo che nonostante gli obiettivi e gli accordi conla Samsung siano stati di fine perlopiù economico, noi come insegnanti non possiamo che apprezzare e sfruttare nel miglior modo questa grande opportunità, orientandola sempre al bene e alla formazione del bambino. 

Mi scuso per non aver partecipato alla discussione prima di ora e per non esser stata presente all'incontro di oggi e ringrazio Marta per aver aperto questa splendida tematica e voi tutti per aver partecipato con così tanto interesse e curiosità.

In reply to TEDESCO CLAUDIA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -

Salve a tutti! Purtroppo non ho risposto fino ad ora e non ho letto dell'incontro in facoltà. Mi dispiace molto. Avrei voluto essere presente, ma non so so se è stata una mia disattenzione o un difetto del sistema, dal mio cellulare non sono riuscita a vedere gli ultimi messaggi scambiati se non qualche giorno fa!sad In ogni caso se martedì prossimo samo tutti in facoltà (o per chi c'è) io posso venire alle una, una volta terminato il corso di disegno, se decidiamo di incontrarci.

In questi giorni ho incontrato varie ragazze del terzo anno che sono interessatissime a questa nuova forma di tirocinio. Penso che sia stato un grande successo della nostra facoltà e la possibilità di integrare le competenze apprese dai vari corsi (anche tecnologiche appunto) per poi portarle all'interno della scuola ospedaliera verrà molto apprezzato anche dall'insegnante del Meyer, Lucia, e da tutta l'equipe multidisciplinare che lavora al suo interno!smile




 



 

In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by FORMICONI ANDREAS ROBERT -

No ma martedì non s'è fatto nulla perché le due studentesse che erano venute (perdonate... non ho ancora potuto associare i nomi ai volti) erano poi impegnate in un'altra cosa. Ci troveremo martedì 25.

In reply to FORMICONI ANDREAS ROBERT

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -

Perfetto! Allora sarò presente anche io molto volentieri! Avrei lezione di disegno fino alle 13.00; perciò per me sarebbe perfetto incontrarsi a quell'ora, così riesco anche a seguire il corso. Può andare bene a tutti?

In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by SALAMONE ELENA -
Benissimo, ci vediamo martedi. Io e Francesca alle 14:30 dobbiamo essere a un corso di formazione a Sesto Fiorentino, come abbiamo già accennato alla Professoressa Balestri, quindi ci saremo dalle 13 alle 14. Cercheremo di venire via un po' prima dal Meyer per esserci possibilmente anche prima delle 13 in facoltà. 


A presto

Un saluto a tutti

Elena

In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by GOLINO ILARIA -

Grazie Marta per il tuo contributo, leggere le tue parole mi ha fatto riflettere. Pur non avendo mai visto e toccato con mano il funzionamento della scuola nel contesto ospedaliero, immagino l'importanza delle tecnologie in tale ambito, per creare un filo sottile tra i bambini e il mondo esterno. Rifletterò e se avrò idee concrete per aiutare questi piccoli allievi te le scriverò sul forum. Grazie ancora, è sempre bello leggere esperienze e scambiare opinioni. Ilaria

In reply to GOLINO ILARIA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by DELL'ENDICE LAURA -

Grazie Marta per questo tuo contributo. 

La tua testimonianza mi ha aperto gli occhi su una realtà sconosciuta e sulla quale non avevo mai riflettuto abbastanza. Avete avuto una grande opportunità a poter svolgere il tirocinio in quel contesto. Se non ci fosse stato il forum e questa discussione probabilmente non avrei avuto occasione di conoscere la realtà della scuola in ospedale, sulle possibilità e i limiti, proprio come ci avete raccontato.  Credo che la condivisione di quanto avete appreso e vissuto sia motivo di crescita personale e professionale per tutti  e sarebbe bello potervi ascoltare anche ad un incontro ad hoc in facoltà.

 L.


In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by CICALONI MARGHERITA -

Grazie Marta per averci reso partecipi di questa bellissima e particolare esperienza. Questa che vi è stata data è stata davvero una grande opportunità. Io non conosco il funzionamento delle scuole ospedaliere e non avevo mai riflettuto su quanto fossero importanti le tecnologie per questi bambini. Mi sta molto a cuore questo argomento. Comunque cercherò di informarmi  e di trovare dei suggerimenti per aiutare a migliorare, almeno un pò, la vita di tanti bambiti purtroppo costretti a vivere in ospedale. 

Grazie ancora per aver condiviso la tua esperienza, e di avermi aperto a questo mondo a me sconosciuto.  

In reply to VELOCE MARTA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by SEMERARO GIOVANNA -

Grazie Marta per averci dato un'idea di quella che è la realtà ospedialiera dei tanti bambini che, purtroppo, sono costretti ad essere lontani dalle proprie case. Posso solo immaginare la giornata tipo di questi bambini, ma penso che in queste situazioni l'uso delle tecnologie sia fondamentale non solo per l'insegnamento-apprendimento, ma soprattutto per i bambini stessi, per sentirsi più vicini, anche se solo virtualmente, alla loro realtà familiare. Parlo da studente fuori sede e so cosa significa vivere lontani dal proprio ambiente e quanto anche una semplice videochiamata possa essere motivante e rincuorante, se si parla di bambini lo è ancora di più. Peccato che le scuole e gli insegnanti stessi, a volte, parlano tanto ma non agiscono, o meglio spesso non vogliono agire, non provando, ad esempio, ad imparare ad usare Skype per accorciare le distanze. Spero che almeno noi, future insegnanti, possiamo imparare da queste mancanze e guardare con occhi diversi i nuovi strumenti che la società ci offre.

In reply to SEMERARO GIOVANNA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by PARRINELLO ILENIA -
Anch'io sono una studentessa fuori sede e comprendo pienamente il significato delle vostre parole. 

A mio avviso le tecnologie non sono dei" freddi" strumenti da utilizzare solo a scopi didattici e di ricerca, ma spesso la loro funzione supera i limiti puramente tecnici e si apre alla sfera di vita che riguarda gli affetti e le relazioni.

L'utilizzo funzionale delle tecnologie, infatti, consente la possibilità di mantenere rapporti comunicativi di qualsiasi genere. Dalla possibilità di lavorare in gruppo, di scambiarsi informazioni utili al proprio lavoro (vedi Public Pad), si passa alla necessità di utilizzare questi strumenti per scopi più profondi, che spesso sono indispensabili per alimentare sentimenti e affetti. 

Se da un lato, infatti, gli strumenti digitali sembrano allontanarci dalla realtà per catapultarci in un mondo virtuale, in cui sembra esserci un certo distacco tra due persone che comunicano, dall'altro possono diventare ed essere utilizzati come  dei MEZZI per comunicare in modo autentico.     

Ilenia Parrinello

In reply to PARRINELLO ILENIA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by BLASI CRISTINA -

Per quanto riguarda il tema delle tecnologie nella scuola in ospedale ho trovato questo piccolo manulale di education 2.0:

http://www.educationduepuntozero.it/speciali/pdf/specialeottobre10.pdf


mi sembra interessante per diverse cose, anche per quanto riguarda la LIM, ma dalla pg. 21 Immacolata Nappi parla dei robot in ospedale.... potrebbe essere utile!

In reply to BLASI CRISTINA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -

Grazie Cristina, ho letto il testo e mi è sembrato interessante, soprattutto per quanto riguarda la dimensione del "controllo" che viene così stimolata, proprio attraverso l'attività proposta ai bambini  dell'ospedale pediatrico di Genova. Data la totale assenza di controllo verso la loro malattia, permettere loro di gestire alcune procedure, mediante programmazione di robot, può avere effetti positivi anche sul piano emotivo!

smile

In reply to BLASI CRISTINA

Re: Le tecnologie nella scuola in ospedale

by VELOCE MARTA -

Grazie Cristina, ho letto il testo e mi è sembrato interessante, soprattutto per quanto riguarda la dimensione del "controllo" che viene così stimolata, proprio attraverso l'attività proposta ai bambini  dell'ospedale pediatrico di Genova. Data la totale assenza di controllo verso la loro malattia, permettere loro di gestire alcune procedure, mediante programmazione di robot, può avere effetti positivi anche sul piano emotivo!

smile