Forum per discussioni generali e "out of topic" di vario genere

NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by FABBRI MARGHERITA -
Number of replies: 28

Ciao a tutti e a tutte,

Immagino che, come me, molte/molti di voi avranno sentito alla TV o avranno letto nei vari giornali di cronaca, degli episodi di violenza che purtroppo,a volte, si verificano contro i bambini da parte delle insegnanti all'interno delle scuole. Certe notizie generano in me, come immagino in molte/i di voi, rabbia, tristezza, senso di impotenza. Mi piacerebbe davvero che ogni bambino e ogni bambina vivesse al meglio l'esperienza scolastica e che questa fosse motivo di felicità, non di tristezza. Tempo fà sentivo parlare della soluzione di porre telecamere all'interno delle classi... voi in generale nell'ottica di future e futuri insegnanti che ne pensate, siete PRO o CONTRO?

Margherita 


In reply to FABBRI MARGHERITA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by ZAZZERI RACHELE -

Ciao a tutti, 

Credo che quello delle telecamere in classe, A difesa di tutto quello che accade e Sta accadendo oggi giorno nelle classi, possa essere un ottima soluzione a testimonianza del fatto che può essere registrato il fare e l'agire della maestra in tutta trasprenza. 

Come ogni cosa ovviamente ci sono pro e contro e un contro che può essere messo  in evidenza è il fatto che qualsiasi gesto può essere frainteso e forse e ripeto forse sarebbe tutto più meccanico. 

In conclusione posso dire di essere scossa e contratiata su questo argomento. E non ho nemmeno un' idea nitida di cosa sia più giusto fare; ma credo che possa essere una soluzione papabile.

In reply to ZAZZERI RACHELE

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by CALISTRI LINDA -

Anche io concordo in ogni parola con quanto scritto sopra da Rachele, è un tema davvero molto delicato . Mi dispiace davvero tanto che si debba essere arrivati a questo, ovvero pensare al fatto di videosorvegliare le insegnanti , perchè il nostro è un lavoro di vocazione e attitudine, in cui affetto , pazienza e nervi saldi devono essere al top.

Da una parte vorrei trovare assurda l'idea di dover installare telecamere in classe , perchè NESSUN insegnante dovrebbe mai permettersi di fare una cosa del genere e in generale sarebbe molto più bello se nessuno di noi pensasse che qualcuno può veramente arrivare a compiere gesti simili ; dall'altro lato però lo trovo necessario in quanto molto spesso accadono fatti del genere che aumentano il mio dispiacere.

Insomma, sono un pò combattuta e contrariata. 

Hai sollevato un ottimo argomento, è un grande spunto di riflessione !

Linda  

In reply to CALISTRI LINDA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by GIANNINI ALESSIA -

Io sono favorevole solo per controllare il comportamento di alcune insegnanti qualora abbiano adottato comportamenti compromettenti, ma non sono favorevole all'inserimento delle telecamere in tutte le scuole a prescindere, mi sembra di non poter avere più la libertà nemmeno di prendermi un caffè senza essere giudicata. 


Alessia. 

In reply to GIANNINI ALESSIA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by FINI ANTONIO -

"qualora abbiano adottato comportamenti compromettenti"

CHI dovrebbe decidere se/come/quando attivare la videosorveglianza? 

Proviamo a riflettere meglio?

In reply to GIANNINI ALESSIA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by MUSARÒ DALILA -

Si impone sempre più l’esigenza di tutelare e di mettere in sicurezza i bambini.

Forse la videocamera nei luoghi in cui ci sono i più piccoli, che non sono ancora in grado di parlare o comunque di essere efficaci nelle loro comunicazioni potrebbe aiutare.

Sono pro alle telecamere in classe ,ritengo che i bambini non debbano essere toccati in alcun modo;una docente deve insegnare loro l'amore e il rispetto reciproco.

Un genitore  quando lascia i suoi figli a scuola o in un asilo nido,decide sin da subito di fidarsi di coloro che si prenderanno "cura" dei piccoli,chi non rispetta questo è giusto che venga messa a nudo grazie per l'appunto all'uso delle telecamere. 


In reply to ZAZZERI RACHELE

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by NOCENTINI GIULIA -
Probabilmente inserire le telecamere nelle classi può essere una buona soluzione per far fronte all'emergenza del bullismo. Ogni giorno sentiamo parlare di episodi di bullismo, di adolescenti che si tolgono la vita o vengono discriminati ed umiliati da bulli. Le telecamere in classe potrebbero risolvere in parte questo problema, anche se possono esserci degli elementi negativi, ad esempio gli alunni possono risultare poco naturali nella loro condotta e sfogarsi in contesti non scolastici. Penso che sia utile dare maggiore valore al voto in condotta e promuovere una maggiore sensibilizzazione nei confronti di questa tematica molto delicata. Le telecamere possono inoltre condizionare l'atteggiamento di molti insegnanti, che talvolta favoriscono alcuni alunni a scapito di altri e potrebbero prevedere la violenza esercitata talvolta sui bambini nella scuola dell'infanzia.
In reply to ZAZZERI RACHELE

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by FONTINI IRENE -

Buongiorno a tutti, 

credo che il tema delle telecamere in classe sia molto delicato. Da una parte ritengo che sia di fondamentale importanza per evitare o limitare episodi di bullismo e di violenza, dall'altra significa anche non rispettare la privacy dell'insegnante che può essere condizionato durante le attività e le sue lezioni. 

In merito a questo tema penso che siano necessari approfondimenti ed esperienze concrete che aiutino a capire la realtà dei fatti.

In reply to FABBRI MARGHERITA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by FINI ANTONIO -

A parte essere a favore o contrari per ragioni che potremmo definire etiche  (e già ci sarebbe molto da discutere!), vi sottopongo questo articolo che anche soltanto per la sua  dimensione testuale mostra la straordinaria complessità della questione dal punto di vista legale...

In reply to FINI ANTONIO

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by BALDUCCI SABRINA -

L'articolo che ha postato è veramente molto interessante. Si addentra molto su aspetti legislativi, ma è la conclusione finale che, alla luce anche degli eventi delle ultime settimane, ha attirato particolarmente la mia attenzione. In effetti avevo già sentito molti pareri sia positivi che negativi in merito alla questione, ma non avevo mai pensato, né sentito o letto da altri, alla compromissione del senso di libertà e di normalità nell'essere costantemente sorvegliati. Questo è un problema che forse non avevo visto perché faccio parte, fortunatamente, di una generazione che non ha avuto questo problema. In effetti, però, questo problema non è di poco conto. Guardiamo come questi ragazzini usano i social network, senza riflettere sulle conseguenze di che cosa pubblicano, rovinando vite intere e perché lo fanno? perché hanno vissuto in una realtà in cui tutto ciò che accade deve essere in qualche modo spettacolarizzato, pubblicato, senza limiti. Su questo non c'è stata ovviamente una educazione adeguata né dalla scuola, né dai genitori. Allora mi domando: vorrei che mio figlio vivesse in un mondo dove si ritiene normale essere sempre osservati? E la mia risposta è no. Vorrei che i bambini del futuro avessero la possibilità, che abbiamo avuto noi, di scegliere che cosa condividere con gli altri. In merito poi all'insegnamento, se da un lato (quello che ognuno di noi condivide guardando con disgusto le immagini che vengono trasmesse al tg su fatti di cronaca che non si dovrebbero presentare mai) sono favorevole, dall'altro rifletto e penso che ci debba essere fiducia nell'istituzione scuola, nelle insegnanti, nel dirigente; perchè se non c'è fiducia allora si può arrivare anche a mettere in discussione i metodi usati per insegnare le tabelline o le frazioni. Infine voglio dire che spesso in una scuola si sa chi ha comportamenti scorretti, perciò ci vuole più vigilanza da parte dei coordinatori e dei dirigenti, perchè certi comportamenti (non parlo di violenza fisica, ma verbale o di metodi eticamente non completamente corretti) non siano consentiti.

In reply to FABBRI MARGHERITA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by FERI LUCIA -

Concordo con quello che molte di voi hanno già detto, personalmente sono favorevole perché ritengo che chi svolge correttamente il proprio lavoro non abbia niente da nascondere e in caso ci siano dei maltrattamenti, la telecamera diventa uno strumento che permette di accorgersi della situazione evitando che si protragga a lungo. I danni che queste persone indegne di essere chiamate maestre o educatrici provocano ai bambini avranno per questi ultimi effetti durante tutta la loro vita, quindi se c'è un modo per evitarlo ben venga. Alla luce di quanto scritto nell' articolo, penso che sia opportuno evitare la disponibilità delle immagini in rete anche se ufficialmente visibili ai soli genitori con credenziali, perché il rischio che vengano diffusi e che ci arrivino anche altri c'è; la scuola dovrebbe usare una banca dati delle registrazioni interna,che sia si a disposizione dei genitori per essere consultata ma senza che diventi una sorta di grande fratello. Il sistema di registrazione dovrebbe impedire modifiche e tagli ai video per evitare che qualcuno lo manometta per coprire i colleghi (comportandosi alla pari di chi adesso in assenza delle telecamere si adegua alla situazione senza denunciare e/o imitandola). I filmati dovrebbero essere conservati per un tempo superiore alle 24 ore in modo da permettere  in caso di necessità,come durante un'indagine, che ci sia il tempo materiale per farle visionare a chi di dovere invece di andare perse per la lunghezza della burocrazia. A livello di tutela del lavoratore, capisco che il confine tra l' uso della telecamera per prevenzione di atti contro i bambini e controllo della prestazione lavorativa sia sottile, ci si potrebbe limitare al loro utilizzo a tutela del minore e basarsi su altro per valutare l'operato dell' insegnante su tutto il resto.

In reply to FERI LUCIA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by BURRONI LARA -

Buonasera!

 

Come tanti di voi, sono anche io favorevole all'utilizzo di telecamere nelle scuole. Potrebbero essere un ulteriore mezzo per la tutela dei bambini, senza però essere uno strumento di processo all'operato dei docenti.  Ritengo, cioè, che non ci si debba ridurre ad emettere continui giudizi soggettivi, ma si dovrebbe stabilire criteri oggettivi di revisione.

In reply to BURRONI LARA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by LEONE SARA -
non voglio rispondere dal punto di vista di chi giudica, ma da quello di chi può essere giudicato. Se mi chiedessero "sei disposta ad essere ripresa mentre fai lezione?" ASSOLUTAMENTE SI. 

La speranza di tutti è che i fatti osceni che sono successi in alcune scuole non si ripetano mai più.  

Le telecamere non sono come la registrazione del video marc di cui sei cosciente di essere ripreso ogni minuto... Quindi secondo me, alla fine, ognuno in classe si comporta come si comporterebbe anche senza telecamere.

Al massimo verranno azionate le telecamere senza rilevare comportamenti da "rivedere"... Per cui perché non metterle?

Alla domande " quando..quanto tempo..da che ora a che ora..?" Risponderei SEMPRE.


In reply to LEONE SARA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by NOVELLI SILVIA -

Penso che sia difficile essere drasticamente pRo o contro le telecamere.  Penso piuttosto che,  come in tutte le cose, siano presenti i pro e i contro. Tra i pro il più evidente è la prevenzione di eventi di violenza sui bambini. Tra i contro trovo il fatto che gli insegnanti non sarebbero più totalmente naturali per l'idea di essere continuamente monitorati, come nel Marc. Nonostante ciò penso che un insegnante che svolge correttamente il suo lavoro non dovrebbe vedere la telecamera come un'eliminazione della privacy nel suo lavoro e probabilmente dopo pochi giorni bambini e insegnanti si adatterebbero alla presenza dello strumento.

Ho pensato che potrebbe essere utile mettere le telecamere al fine di osservare le riprese solo in caso di segnalazioni, ma ciò non cambierebbe l'essere influenzate dalla presenza della telecamera e chissà che i genitori non si approfittino di questo strumento per segnalare ogni minima cosa.

Perciò rimango in dubbio ancora sulla mia idea in merito alla presenza delle videocamere in classe e leggo volentieri le vostre idee per cercare di far chiarezza nella mia.

In reply to NOVELLI SILVIA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by ESPOSITO CHIARA -

Anche io penso che non sia facile schierarsi tra i favorevoli e i contrari, perchè come ogni cosa, ha i suoi pro e i suoi contro. Ovviamente siamo tutti contrari alla violenza sui bambini (e alla violenza in generale), sinceramente ancora oggi non riesco a spiegarmi come sia possibile che delle maestre facciano violenze su dei bambini, quindi è inevitabile che in questo caso le telecamere siano d'obbligo, però mi chiedo anche chi è che può decidere di attivare le telecamere e in che modo... mi spiego meglio, oggi i bambini a mio parere sono molto diversi da come erano in passato (e non parlo di chissà quanti anni fa), sono più "liberi", più difesi. Se quando ero piccola tornavo a casa e dicevo ai miei genitori che la maestra mi aveva rimproverato, venivo rimproverata nuovamente da loro perchè se la maestra l'aveva fatto significava che avessi fatto qualcosa di sbagliato; adesso invece se un bambino torna a casa e dice ai genitori che la maestra lo ha rimproverato, i genitori vanno subito a chiedere spiegazioni, dalla maestra e magari dal dirigente scolastico (addirittura). Questo lo affermo in base a quello che io ho potuto osservare o sentire in questi anni, per questo penso che la questione telecamere sia molto delicata da trattare. 

In reply to ESPOSITO CHIARA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by ANGELINI ELENA -
Buona sera a tutte/i,

ho trovato questo tema molto interessante in quanto spesso, purtroppo, si sentono notizie al tg a dir poco riprovevoli! 

Girellando sul web ho trovato questo articolo che credo sia simile a quello indicato dal professor Fini;  descrive l'orientamento positivo e negativo della video sorveglianza all'interno delle scuole.  

Bell'argomento! ;) 

In reply to BURRONI LARA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by TORRICELLI CLAUDIA -

Come tanti di voi anche io concordo con quello che avete detto fino a ora,   sono favorevole all'utilizzo di telecamere nelle classi. Attraverso l'uso della videosorveglianza si potrebbero evitare tanti episodi negativi, quali bullismo e violenza fisica. Un aspetto negativo potrebbe essere il cambiamento del clima in classe, il danno si andrebbe a creare nel dialogo educativo che si svolge in classe tra alunni e docente e durante lo svolgimento delle attività didattiche.

.

 


In reply to TORRICELLI CLAUDIA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by SANTOPIETRO VALENTINA -

Sono anche io favorevole alla presenza di telecamere in classe, al fine di tutelare  ed impedire che avvengano fatti deplorevoli , come quelli che sono successi negli ultimi periodi. Sono anche convinta che la presenza di telecamere in classe non pregiudichi la didattica ed il lavoro in classe dell'insegnante, anzi rivedendosi l'insegnante stesso possa migliorare là dove risulta più carente.

In reply to FABBRI MARGHERITA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by MARINI SARA -

Margherita buongiorno,

La tematica che hai messo in evidenza è assai attuale. Sinceramente penso che non sia una cosa né giusta né sbagliata. Mi spiego meglio, la telecamera in classe toglierebbe quella spontaneità di un clima di classe sereno e spontaneo, e alcuni gesti o parole potrebbero essere travisati. Dall'altra parte un controllo severo metterebbe nelle condizioni di creare una totale trasparenza nell'insegnamento delle maestre e nell'apprendimento del bambino.

Sara Marini

In reply to FABBRI MARGHERITA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by BALDINI NICOLE -

Ciao!

Questo argomento mi sta particolarmente a cuore perché non riesco a concepire come possa succedere, ai nostri giorni, che "maestre" (anche se non penso meritino questo appellativo) del genere possano lavorare all'interno delle scuole e creare danni permanenti nei bambini. Detto ciò io sono totalmente favorevole alla presenza delle telecamere in classe in modo da tutelare la salute e il benessere dei bambini. Tuttavia, secondo me, le registrazioni di queste telecamere dovrebbero essere visionate solo ed unicamente qualora ci sia il sospetto di qualche comportamento anomalo perché l'insegnante deve comunque essere libera di gestire la classe/sezione come meglio crede e le si deve garantire una certa privacy mentre lavora con i bambini.

Nicole

In reply to BALDINI NICOLE

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by FERI LUCIA -
In reply to FERI LUCIA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by STRANIERI CATERINA -
Siamo costantemente dentro il Big Brother, l'idea di una telecamera a molti può creare disagio, perché ci si sente osservati ovunque. Io comunque introdurrei le telecamere nelle scuole medie e superiori dove gli episodi di bullismo sono molto maggiori, non tanto tra coetanei, ma a volte anche nei confronti dei professori e quando non ci sono prove concrete per i genitori i figli sono sempre degli angioletti. Ovviamente negli asili e nella scuola primaria la questione è più delicata trattandosi di bambini più piccoli.

Se si decide di introdurre le telecamere in luoghi in cui sono stati segnalati abusi secondo me è comunque sbagliato avvisare, perché altrimenti chi si è comportato male si camuffa per non essere colto sul fatto.

In reply to STRANIERI CATERINA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by SCOCCA FEDERICA FILOMENA -

Salve a tutti!

L'argomento ha subito colpito la mia attenzione, anche se non è facile starvi dietro (a proposito dell'annaspare)!

Prima di arrivare alla "faccenda" telecamere, io mi chiedo... possibile che tutta la gente risultata colpevole di violenze non venisse mai controllata da nessuno? Insomma, quello che sto cercando di dire è che proprio nel nostro campo mancherebbe il famoso colloquio psicologico, a momento dell'assunzione, ma anche in maniera periodica. Il nostro non è un lavoro semplice, e non si può fare se non si è al 100%. Parliamo tanto di psicologia, e poi delle figure di riferimento, all'interno delle nostre scuole, mancano. Non solo per noi, ma anche per gli allievi. Quindi, io mi chiedo, prima di arrivare alle telecamere, possibile che non ci sia altro da fare per limitare questi eventi a dir poco spiacevoli?

In ogni caso, non avrei problemi ad essere registrata in ogni momento, ma alla condizione che i video non siano accessibili a tutti, perché davvero si rischierebbe di non essere capiti per la maggior parte del tempo. Quindi magari, accessibili a chi di dovere, anche esterno alla scuola, in modo tale da essere il più neutrale possibile, e accessibili in casi di sospetto, come diceva già qualcuno in precedenza. 

Continuo però a pensare che le scelte degli insegnanti si basino ancora troppo sulle conoscenze e basta, sebbene si stia cercando di cambiare qualcosa.

In reply to SCOCCA FEDERICA FILOMENA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by BUONAZIA NAOMI -

La videosorveglianaza potrebbe essere un metodo efficace per poter monitorare l'operato di alcuni insegnanti, tuttavia non penso che sia un provvedimento attuabile in Italia: vi immaginate quanti occhi a dover controllare tutto? E la privacy e la burocrazia imperante? Peggio della diatriba sulla moviola in campo...

Penso che un insegnante 'cattivo' (dico per esperienza) trovi il modo di fare del male ai bambini anche fuori dalla classe e quindi nei corridoi o in altre aule.


In reply to FABBRI MARGHERITA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by BARTOLI GEMMA -

ciao a tutte! penso che utilizzare le videocamere in classe sia un passo in avanti per la sicurezza dei bambini a scuola che finalmente è stato compiuto considerando i vari fatti di cronaca. L'unico dubbio che l'argomento solleva secondo me riguarda come le insegnanti si possono sentire con questa costante presenza in classe che le controlla, se questo comportasse l'annullamento di un atteggiamento tranquillo, rilassato e disinvolto sarebbe davvero un peccato e quindi non potremmo parlare di queste telecamere come la  soluzione migliore al problema della violenza sui bambini. 

Vorrei inoltre aggiungere che l'introduzione di questi strumenti, anche se importantissimi, risolvono solo in parte il problema, se infatti alcune insegnanti hanno agito in modo così brutale le motivazioni sono da studiare e comprendere a fondo, sperando così che il problema possa essere risolto e non solo controllato.

Detto questo vorrei ribadire che sono pienamente a favore dell'introduzione delle videocamere dato che non possiamo permetterci errori in tema di sicurezza dei bambini.

In reply to FABBRI MARGHERITA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by ZACCHEROTTI CATERINA -

Ciao a tutti\e.

Anche io sono piuttosto combattuta,ritengo siano fondamentali le telecamere in classi dove già si sono verificati o si sospettano situazioni del genere, ma allo stesso tempo se non c'è modo di controllare come facciamo ad avere la certezza che stiano accadendo cose simili?

L' insegnante potrebbe sentirsi costantemente sotto la lente d'ingrandimento e a mio parere questo rischia di influenzare il rapporto con i bambini,rendendo il tutto ''artificiale''.

Allo stesso tempo però è necessario porre la parola fine ad episodi orribili come quelli che recentemente sono avvenuti.



In reply to ZACCHEROTTI CATERINA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by GHERI BIANCA -

Secondo me le telecamere di sorveglianza nelle aule andrebbero messe in caso di sospetta violenza, in modo tale da verificare il comportamento delle insegnanti a loro insaputa. Avendo svolto personalmente, come le mie colleghe, una lezione videoregistrata (progetto MARC) posso constatare che la spontaneità ne risente considerevolmente, eliminando l'autenticità della lezione.

In reply to ZACCHEROTTI CATERINA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by SECCI LAURA -

Sono contraria. Qualcuna di voi ha già citato le parole Big Brother, qualcuna ha esposto l'idea per cui se un insegnante è punitivo e manesco, lo è nei corridoi, se non può esserlo in aula. Ad ogni modo, sono contraria perchè telecamera vuol dire sorveglianza, vuol dire controllo, e sono parole che non si addicono alla scuola, forse al carcere. Lo so che l'intento con cui nasce l'idea è nobile: insegnanti picchiano, io le monitoro con delle telecamere. Ma astraendo un attimo la situazione, è così che si risolve un problema del genere? Forse è meglio, anche se più difficile e faticoso, interrogarsi su come sia possibile che arrivino a fare questo mestiere persone del genere e su come fare in modo che non succeda? Oltretutto, come già qualcuno ha detto, qual è il limite, qual è il comportamento da segnalare? Nella mia esperienza di tirocinio, mi sono trovata di fronte a situazioni dove l'insegnante spostava un bambino tirandolo per un braccio. Ero lì presente, con i miei occhi vedevo che quel comportamento non era una violenza, non c'era forza nella presa, e c'era tutto un contesto che secondo me lo giustificava. Viceversa, ho assistito a scene di bambini che scoppiano giustamente a piangere per delle punizioni umilianti (ma tutt'altro che corporali, solo verbali) che davvero secondo me erano passabili di denuncia. L'occhio della telecamera cosa vede? Cosa valuta? E' un attimo che siamo tutte incriminate o che ne restano fuori quelle davvero violente. Non so se mi spiego.. 

In reply to SECCI LAURA

Re: NoallaViolenza: Telecamere in classe. PRO o CONTRO?

by STRANIERI CATERINA -
Buongiorno a tutte. Io continuo a essere favorevole alle telecamere per come gira il mondo oggi. 

La cosa che più mi meraviglia è che persone giovani e in gamba si scandalizzano per la telecamera che costituisce una tutela e un ausilio fondamentale nelle indagini della polizia per numerosi fatti di cronaca. Mentre minore è lo scandalo di fronte a bambini che smanettano i cellulari più costosi navigando su siti per adulti ed esercitando cyberbullismo. 

Personalmente la telecamera non mi infastidisce neanche più e di fronte alla privacy in un luogo pubblico, treno, negozio, strada o scuola che sia, preferisco la mia sicurezza e incolumità.

Premetto che è sempre meglio prevenire che curare. Anch'io mi sono chiesta di fronte a insegnanti dell'infanzia che sgridavano di continuo i bambini creando malcontento e facendoli anche piangere con quale criterio si selezionano certi docenti.

 Ma mi sono anche posta la questione su come proteggersi di fronte a bambini già viziati e maleducati in famiglia che insultano perfino l'insegnante dicendo "Te sei una stronza e una putt....a" o disadattati che si abbassano i pantaloni in classe davanti ai compagni o peggio ancora,  infuriati con una forbice in mano dicono all'insegnante "Te  la ficco nella pancia e ti tiro fuori le budella". Perché di fronte a testimonianze del genere non dimostrate ma solo riferite, spesso i genitori negano che i loro rampolli siano capaci di tanto e le insegnanti (in servizio anche in stato interessante, non dimentichiamolo) subiscono danni morali e psicologici e a volte anche mobbing, senza essere difese e neppure credute.

Soltanto quando succederà qualcosa di grave che poteva essere monitorato e prevenuto in questo paese dalla scuola ancora troppo gentiliana la mentalità cambierà un po'.